giovedì 30 luglio 2015

ELEMENTI FONDAMENTALI PER GESTIRE LA REALTA’

Se ci pensiamo bene, la cosa a cui pensiamo con più frequenza è come poter cambiare il corso degli eventi.
C’è sempre qualcosa che ci preoccupa e che non rende la nostra vita soddisfacente.
Provo a mettere questa esigenza su di un altro piano, controvertendo radicalmente alcuni punti di vista collettivi.

PUNTO PRIMO ( ottimismo totale )

La nostra interazione con la realtà scaturisce da ciò che vediamo e non da ciò che sentiamo. Insomma, si ” naviga a vista “.
Questo impedisce il controllo dei fenomeni in quanto crediamo che sia il mentale a determinare gli esiti, quando invece è sempre l’invisibile ( subconscio ) a creare la nostra realtà.
Quindi, sulla base della nostra focalizzazione contingente, prendiamo a preoccuparci se qualcosa non va secondo i nostri piani.
Vi propongo un trucchetto che olierà notevolmente il vostro mondo rendendolo mansueto nei vostri confronti.
In pratica, anche quando vi accade qualcosa di sgradevole, per esempio un furto, rideteci sopra come dei pazzi, pensate, per esempio, che otterrete qualcosa di ancora più prezioso e quindi quell’oggetto sottratto finirà  per lasciare spazio ad un oggetto migliore.
In questa maniera non vi sottoporrete a frequenze e sensazioni negative, che per una legge di risonanza, vi potrebbero trasportare in circostanze ancora peggiori.


PUNTO SECONDO  ( scegliere non lottare )

Se cerco di cambiare le circostanze devo essere diverso nelle mie tendenze e abitudini.
In definitiva se voglio ottenere qualcosa, per esempio creare abbondanza, dovrei determinare un cambiamento sostanziale di ciò che sento di essere.
Per esempio dichiarare ad alta voce: ” sono in precarietà economica ” e poi spostarsi di un metro e dichiarare: ” sono in una frequenza dove attraggo naturalmente denaro “.
Se cercassi di cambiare una mia circostanza cercando di rimanere il medesimo, finirei solo per lottare inutilmente contro me stesso, sono certo che chi sta leggendo questo mio articolo lo ha già fatto numerose volte, per cui lascio a voi il giudizio.
Lo so che ci hanno sempre insegnato il contrario, ma vi posso giurare che noi le cose possiamo sceglierle, va da se che se comprendo di avere questo potere risulta perfettamente inutile fare la guerra a ciò che non mi piace.

PUNTO TERZO ( focalizzarsi su ciò che vogliamo )

Molti di noi hanno subito tutta una serie di giudizi che per lo più riguardavano aspetti negativi. Diciamo che per legittima difesa abbiamo iniziato anche noi a fare altrettanto, sia con i nostri conoscenti che con la nostra vita. Anche se per lo più ognuno di noi è caratterizzato da cose magnifiche e di conseguenza nella vita fà cose bellissime per se e per gli altri.
Quindi se è vero che l’energia va dove si concentra l’attenzione, dovrei sentirmi ed identificarmi, la dove voglio arrivare e non dove temo di precipitare.
Se per esempio non ho le circostanze auspicabili in termini di felicità, dovrei dare solo una sbirciatina alla situazione e fiondarmi con l’immaginazione in un contesto decisamente più gradevole.
Questo vi porterà piano piano dove desiderate andare.

Ovviamente per gestire il nostro orientamento è necessaria molta esperienza e prove, in alternativa possiamo però contare sulla ripetizione e su appositi esercizi che ho messo a punto ispirati dal transurfing.
Per chi desidera ricevere questi esercizi ( ovviamente in regalo ), può scrivermi un messaggio a questa pagina, così da inviarglieli.

Facilitatore Vibrazionale

http://www.manipurastudio.it/elementi-fondamentali-per-gestire-la-realta/

2 commenti:

  1. Ciao, sono Ana. Posso avere gli esercizi? Grazie

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina