lunedì 30 novembre 2015

Ho vissuto nell’abbondanza

Ho vissuto nell’abbondanza perché secondo me non esiste una divisione tra la sfera materiale e quella spirituale.

Insegnarvi a vivere in povertà è pericoloso: sareste poveri materialmente, ma sareste poveri anche spiritualmente, poiché non esiste una divisione tra i due mondi.

Io vi insegno a vivere in modo ricco, nell’abbondanza, materialmente e spiritualmente in entrambi i mondi.

Il problema non è se dovete vivere nell’abbondanza materiale o nell’abbondanza spirituale.

Il problema fondamentale è se dovete vivere nell’abbondanza e nella ricchezza che è il modo di vivere naturale, esistenziale.

La pulsione fondamentale del vostro essere è fiorire nell’abbondanza e conoscere tutti i colori e tutti canti e gustare tutte le bellezze della vita.

Di certo è inevitabile che mi trovi in conflitto con le vecchie tradizioni, poiché in tutto il passato dell’umanità è stata elogiata la povertà rendendola un sinonimo di spiritualità e questa è un’assurdità madornale.

La spiritualità è la maggior ricchezza che possa accadere a un essere umano e contiene tutte le altre ricchezze.

Essa non è contraria a nessun’altra ricchezza, è semplicemente contraria a qualsiasi tipo di povertà.

Quindi, il tentativo da me fatto è qualcosa di talmente radicale, da essere destinato a creare antagonismi in ogni angolo del mondo.

L’umanità ha vissuto credendo in certi valori tanto a lungo sebbene quei valori abbiano creato soltanto infelicità da non riuscire a vederne il nesso con la propria infelicità.

Quei valori non hanno appagato l’umanità, non l’hanno soddisfatta tuttavia essa non riesce a vedere il nesso tra questi e la propria infelicità.


Tratto da: OSHO “Oltre la psicologia”
http://realtofantasia.blogspot.it/2015/11/ho-vissuto-nellabbondanza.html

Nessun commento:

Posta un commento