mercoledì 25 maggio 2016

Le persone intelligenti accettano di non piacere a tutti



Una persona intelligente è in grado di riconoscere ed accettare di non poter piacere a chiunque e, di conseguenza, non si lascia offendere né cercherà di difendersi di fronte a chi non la comprende. Riconosce che le persone a cui non piace non lo fanno con cattiveria, ma semplicemente perché diverse da lui/lei, e lo accetta.
Le persone intelligenti ignorano o evitano chi non gradiscono

Accettare che esistono persone a cui non si piace non vuol dire cercare di incorporarle nel proprio mondo. Le persone intelligenti riconoscono le persone dalle quali non sono accettate, e decidono spontaneamente di non interagire con esse. Intelligenza non vuol dire accettare qualunque cosa capiti a tiro.

Cortesia ed esigenza non si escludono a vicenda. Le persone intelligenti, infatti, tendono a trattare con gentilezza chiunque, senza badare all’antipatia provata verso una determinata persona o a quanto sgradevoli o offensivi siano i suoi atteggiamenti. Così facendo, contribuiscono ad evitare futuri fraintendimenti.

Alle volte, dover essere cortesi vuol dire ingoiare il rospo, talvolta persino fare il finto tonto. Si può considerare in realtà una strategia che denota intelligenza, visto che serve ad evitare situazioni sgradevoli che non porterebbero da nessuna parte. Può essere addirittura presa come una vera sfida intellettuale e di controllo delle emozioni.

Nessun commento:

Posta un commento