giovedì 7 luglio 2016

da ricevitore a trasmettitore.


l file di configurazione compie una funzione importante: ordina e chiarisce i pensieri, i desideri e gli scopi. 

Ad esempio: «Mi prendo cura del mio mondo e il mio mondo si prende cura di me. Il mio mondo si prenderà sempre cura di tutto e sistemerà ogni cosa. Non ho motivo di preoccuparmi. Mi sta andando tutto bene. A poco a poco il mio pianetino personale si sta trasformando in un angolo accogliente. Mi riesce tutto. Ho un aspetto meraviglioso, che migliora di giorno in giorno. Sono una personalità molto affascinante, emetto una luce interiore, la gente la percepisce e prova per me simpatia. Ho una salute di ferro, un forte potenziale energetico e un super intelletto. Posso facilmente far fronte a tutti i problemi. E anche la Forza è con me, la Forza mi guida, per questo faccio tutto in modo geniale e brillante». 

* Guardate al mondo attraverso il prisma della configurazione che vi siete dati.

* Fissate il raggio dell’attenzione sulle cose che vi soddisfano e vi piacciono, facendolo deviare da ciò che vi suscita irritazione e disturbo.

* Dichiarate le vostre forme-pensiero in ogni momento possibile, specialmente quando trovate conferma di esse.

* La pellicola che gira nel vostro proiettore virtuale è il film che vedrete nella realtà.

* Le forme-pensiero vanno trasmesse sistematicamente.

* Le forme-pensiero scritte acquistano una forza aggiuntiva.

* Il principio del boomerang è il seguente: se non volete vedere nel riflesso ostilità, aggressività, critica, dissenso, non inviate al mondo le immagini corrispondenti.
“ri-configurare” il proprio boomerang da negativo a positivo è molto semplice e si può fare in qualsiasi momento: basta svegliarsi, capire la situazione e volerla cambiare. Il messaggio di benevolenza sarà forte quanto lo sarebbe stato quello d’ira, mentre maggiore sarà la soddisfazione che ne otterrà il mittente, sia all’istante dell’invio che in seguito. Perché anche i boomerang di amore e bontà ritornano indietro, eccome! 

Il file di configurazione vi servirà inizialmente per mettere in ordine i vostri pensieri. In seguito, da una parte, con il raggio sottile della vostra intenzione dovrete filtrare solo il buono da tutto ciò che capiterà nello stra- to del vostro mondo; dall’altra parte dovrete trasmettere intenzionalmente nella realtà che vi circonda tutto ciò che ancora non avete, ma che vorreste vedere realizzato. Dovrete diventare al contempo riflettore e proiettore. Sono i primi passi della vostra meravigliosa metamorfosi da ricevitore a trasmettitore.

Vedrete che, facendo seguito alla vostra trasformazione, nella vostra realtà si produrranno cambiamenti qualitativi.  

Vadim Zeland
La via del Transurfer - https://faregruppo.blogspot.it

Nessun commento:

Posta un commento