lunedì 19 dicembre 2016

NON USATE LE PAROLE INFLAZIONATE!

Una semplice sostituzione delle parole è capace di cambiare le sfumature dei nostri stati interiori. Per un creativo esperto, invece, la parola è uno strumento per dipingere la propria vita.

1. LA SOSTITUZIONE DELLE PAROLE ABITUALI CREA LA CONSAPEVOLEZZA.
Fate un esperimento: alla domanda "come stai" iniziate a rispondere diversamente: non "bene, grazie", ma "splendidamente", "magnificamente", scegliete voi!
Cosa cambia: vi accorgerete che rispondendo così, primo, vi verrà da raddrizzare le spalle e da alzare il mento, e secondo, all'inizio noterete gli sguardi increduli dei vostri interlocutori. Anche a voi sembrerà strano rispondere così, ma poi vi prendete gusto e vi farà piacere.
- Come stai?
- Splendidamente.
-..... Cosa ti succede?
-..... Semplice. Mi sono alzato di buon umore.

E così ogni giorno. Tra un mese sarete trattati diversamente.
L'importante è non spiegare nulla, non fornire le prove e non esagerare, perché lo "splendore" della vostra vita deve essere una norma e non una cosa soprannaturale.

Le parole inflazionate: io cerco di usare meno possibile la parola "bello", perché super inflazionata e si mette dappertutto.
Nel libri di Anthony Robbins (un attivo ricercatore in questo campo) è riportato il caso di un imprenditore che aveva sostituito le frasi "sono arrabbiato", "sono indignato" con una buffa espressione "sono stizzito" che faceva colpo sui partner in affari.
Riporta un caso: arrivato in un albergo, Robbins non trovò la sua camera pronta. Era pronto a indignarsi, ma, ricordandosi della sua decisione, disse all'amministratore:
- Sa, sono molto stizzito.
- Prego?
- Molto stizzito.
L'amministratore rimase di stucco, poi sorrise e fece tutto con la massima efficienza e rapidità.
Questo si chiama "rompere il solito cliché".

La scelta delle parole inusuali abbassa la soglia dell'ira di entrambe le parti e sveglia la consapevolezza.

2. IL NOSTRO CERVELLO E' PROGRAMMATO DALLE PAROLE.
Le parole possiedono delle tonalità. La parola "bello"/"buono" è abbastanza trita e abusata, a differenza di tanti suoi sinonimi.
Per esempio, non avete mai visto una persona ma vi hanno detto che è una persona "splendida".
La vostra mente associativa ha già creato un quadro. Oppure vi hanno detto che è una brava persona. C'è la differenza?
Usando delle parole di tonalità accesa, diversa, per descrivere se stessi e il proprio stato, mandate un segnale al subconscio: "è così".

Rispondendo a "come stai" con termini superlativi, tra un po' inizierete a sentirvi così. E' una creatività con le parole.

Cosa fare?
- Esaminate il vostro lessico e sostituite alcune parole sbiadite o abusate con quelle che vi piacciono e descrivono il vostro sogno. Fatelo coscientemente, come un pittore che vede un foglio bianco ma vede anche il futuro capolavoro.
- Se volete correggere qualcosa nella vita, usate delle affermazioni positive. Trovate una frase che vi ispira e ripetetela diverse volte nel corso della giornata. Tra un mese prima vedrete il risultato.
- Parlate sempre al presente, e senza usare i termini negativi.
- Cercate di sentire il senso delle parole, pronunciandole sentite la loro risonanza con il mondo.
- Pensate a quello che dite, ogni parola vi crea, che lo vogliate o no.

Buona creatività a tutti."

(Olesya Novikova)

Advanced mind institute


La via del Transurfer - https://faregruppo.blogspot.it

Nessun commento:

Posta un commento