venerdì 18 agosto 2017

SE SEI COSI' BRAVO, PERCHE' SEI COSI' POVERO?

Questa domanda si fa spesso per scherzo, ma ogni scherzo contiene una parte della verità. Infatti, molte persone di valore faticano a stabilizzare la loro situazione economica.
Come risposta, si potrebbe indicare le principali abitudini che portano ad avere i problemi economici.
1. L'AUTOCOMMISERAZIONE. Trovandosi in difficoltà, molta gente inizia ad autocommiserarsi sottolineando che le loro difficoltà finanziarie sono causate dai loro svantaggi e non c'è nulla da fare: il sesso sbagliato, la corporatura inadeguata, la nazionalità, lo stato sociale, l'età. Questa posizione non porta che le emozioni negative e la sensazione dell'impotenza.
2. SI CERCA SEMPRE DI RISPARMIARE. La ricerca dei saldi, degli sconti, sono spesso dei satelliti degli eterni problemi economici. Una persona sicura delle sue entrate è propensa di valutare meglio la qualità della merce e il lavoro di un'altra persona, è pronta a pagare tanto quanto è necessario, per avere un oggetto di qualità. Anche il proprio lavoro lo valuta adeguatamente, e non accetterebbe mai un lavoro pagato male.
3. "IL MIO LAVORO E' ODIOSO". Quando si fa un lavoro che porta solo l'irritazione, non è possibile ottenere dei risultati promettenti, e non è possibile migliorare la propria situazione economica.
4. SI MISURA TUTTO SOLO CON IL DENARO. Se una persona misura il livello del successo sono in denaro, avrò sempre la sensazione di avere poco, rispetto agli altri.
5. L'ABITUDINE DI CHIEDERE I PRESTITI. Va bene una volta, ma non deve diventare un'abitudine, anche perché si dovrà sempre pagare gli interessi; più prestiti ci sono e meno si riesce a controllare i propri soldi.
6. L'ABITUDINE DI VIVERE QUI E ORA. Una persona che non pianifica il suo domani e non investe nulla nel futuro, non migliorerà mai il suo stato economico; la ricerca di un vantaggio immediato spesso toglie la prospettiva di fare una carriera.

Advanced Mind

La via del Transurfer - https://faregruppo.blogspot.it

Nessun commento:

Posta un commento