domenica 22 luglio 2018

SEI COME PENSI DI ESSERE


Uno dei libri di autosoccorso più letti di tutti i tempi, "Sei come pensi di essere" è uno dei dieci classici consigliati da Og Mandino. Un manuale indispensabile per seguire il percorso della propria autorealizzazione.

"Sei come pensi di essere" ha influenzato milioni di persone in tutto il mondo, grazie al suo messaggio semplice e profondo, capace di indurre eccezionali cambiamenti e di far raggiungere traguardi senza uguali a chi si lascia ispirare dalle sue parole.

Rivolto a tutti coloro che vogliono avere il controllo della propria vita, spiega con chiarezza il legame che intercorre tra pensieri e realtà. Tanti suggerimenti per stimolare uomini e donne alla scoperta e alla percezione della verità eterna, secondo la quale noi stessi siamo i creatori del nostro "io", grazie ai pensieri che ci avviliscono o ci incoraggiano.

Scrive Allen: «È sufficiente che un uomo cambi radicalmente i suoi pensieri e si sorprenderà della rapida trasformazione delle condizioni materiali della sua vita. Gli uomini credono che i pensieri si possano mantenere segreti, ma non è così; essi si cristallizzano rapidamente nell'abitudine, e l'abitudine si concretizzerà nelle circostanze».

L'uomo è un trasformatore di energia e ogni idea della mente tende a diventare realtà nel campo delle possibilità. Per riprendere una frase di Emile Couè: "una volta posto un obiettivo, il subcosciente trova da sé il modo per realizzarlo".

Facile da capire, facile da applicare. James Allen compila un pratico e illuminante vademecum per imparare a gestire i propri pensieri, perché diventino mezzi creativi per plasmare la realtà secondo i nostri desideri. Un assaggio: "Ricorda: nelle tue mani ci saranno i risultati esatti dei tuoi pensieri; riceverai quello che hai guadagnato, né più né meno".


"L’uomo è vittima delle circostanze fintanto che crede di essere la creazione delle condizioni esterne, ma quando capisce che lui è potere creativo, e che può comandare al suolo e ai terreni nascosti del suo essere le circostanze da cui può nascere, diventa allora il padrone giusto di se stesso.Che le circostanze derivino dal pensiero, lo sa ogni uomo che ha praticato per un certo tempo l’autocontrollo e l’auto-purificazione, dato che avrà notato che l’alterazione delle sue circostanze è avvenuta nella stessa misura dell’alterazione della sua condizione mentale.Ciò è così vero che quando un uomo si impegna in tutta onestà a porre rimedio ai difetti del suo carattere, e fa progressi rapidi e marcati, passa velocemente attraverso una serie di vicissitudini.L’anima attrae ciò che in segreto nutre; ciò che ama, e anche ciò che teme; raggiunge le vette delle sue aspirazioni più care; scende al livello dei suoi desideri più lascivi e le circostanze esterne sono i mezzi attraverso cui l’anima li fa propri. Ogni pensiero-seme piantato o a cui viene permesso di cadere nella mente, e di mettere radici qui, produce il proprio germoglio, sbocciando prima o poi nell’azione, e producendo i propri frutti di opportunità e circostanze.Pensieri buoni generano buoni frutti, pensieri cattivi generano cattivi frutti.Il mondo esterno delle circostanze modella se stesso sul mondo interiore del pensiero, e le condizioni esterne sia piacevoli che spiacevoli sono fattori che influenzano la bontà definitiva dell’individuo.Come mietitore del proprio raccolto, l’uomo impara sia la sofferenza che la beatitudine.Seguendo i desideri, le aspirazioni, i pensieri più intimi per mezzo dei quali permette a se stesso di essere dominato(alla ricerca del fuoco fatuo dell’immaginazione impura o percorrendo deciso la strada dell’impegno forte ed elevato),un uomo giunge alla fine al compimento e alla realizzazione delle condizioni esteriori della sua vita.Le leggi della crescita e dell’adattamento valgono dovunque. Un uomo non arriva all’ospizio dei poveri o alla prigione per la tirannia del fato o delle circostanze, ma attraverso il sentiero dei pensieri indegni e dei bassi desideri.E allo stesso modo un uomo dalla mente pura non si ritrova improvvisamente coinvolto nel crimine per opera semplicemente di forze esterne; il pensiero criminale già da lungo tempo giaceva nel suo cuore, e al momento opportuno ha rivelato il suo potere intenso.
Le circostanze non creano l’uomo; rivelano semplicemente l’uomo a se stesso."

James Allen

La via del Transurfer - https://faregruppo.blogspot.it

Sei Come Pensi di Essere
Supera ansie e paure e ottieni la vita che desideri - Edizione Tascabile

Nessun commento:

Posta un commento