giovedì 27 ottobre 2016

OSSERVA CONTEMPLA SCEGLI

Voi siete capaci di pensare molti pensieri opposti in pochi istanti; siete capaci di saltare alla rinfusa da un pensiero all’altro, dall’euforia alla frustrazione, dalla paura all’estasi alla preoccupazione, e così via. Senza guida e senza sorveglianza, dalla veglia al sonno, voi avete una serie infinita di pensieri. Anche se profondamente addormentata, la vostra mente continua ad osservare, afferrare e contemplare continuamente questi pensieri. C’è davvero solo una piccola tregua a questo processo mentale di produzione di pensieri che dura per tutta la vita.

Se credete davvero di essere i creatori di tutti i vostri pensieri e di controllare l’intero processo, provate semplicemente a fermarvi. Proprio così, provate a smettere di pensare. Potreste essere in grado di rallentare il flusso di pensieri in modo considerevole, ma smettere semplicemente di pensare per tutto il giorno e rimanere in uno stato senza pensieri è del tutto impossibile.
Vi suggerisco, quindi, di aprire i vostri processi di pensiero ad una nuova idea che vi aiuterà a modificare il vostro concetto di voi stessi. Potete pensare a voi stessi come a degli sconfinati esseri divini, piuttosto che ad una persona che non ha scelta quando si tratta dei propri pensieri. Pensate a voi stessi come a degli osservatori, che contemplano e selezionano i pensieri che formano quel flusso incessante che appare sul vostro schermo.

Osservate da dove proviene il flusso di pensieri e osservatene la rapida transizione e la combinazione di come appaiono e poi scompaiono. Carpite un pensiero dal nastro che scorre e contemplatelo. Notate come vi sentite alla sua presenza: triste, depresso, felice, spaventato e così via. Ogni pensiero che passa lascia un’impronta sul concetto che avete di voi stessi. Prima come osservatore e poi come contemplatore. 

Ora che siete ufficialmente il creatore, potete consapevolmente decidere di accantonare un pensiero e sceglierne uno diverso, un pensiero che vi permette di sentirvi meglio.
Io sto bene, mi vedo bene, perderò qualche chilo, io sono amato, io sono Divino. . . questi e altri milioni come questi sono i pensieri che potete avere, piuttosto che optare per quelli che tutti noi siamo stati abituati a scegliere in passato. Questo è il modo di iniziare un nuovo processo per cambiare il vostro concetto di voi stessi. Accettate senza discussione che non si tratta di impostare il flusso dei pensieri in movimento e che il pensiero non si può fermare in questa fase della vostra evoluzione. In questa fase l’essenza del vostro essere è quella di osservare, di contemplare e quindi di scegliere. Questo può essere fatto in una frazione di un nanosecondo. I pensieri continuano a comparire sullo schermo del televisore mentale proprio come le quotazioni di borsa, ma voi ora potrete scegliere quelli su cui desiderate focalizzarvi, che desiderate raccogliere, che desiderate conservare oppure che volete lasciare andare.
Vi incoraggio ad iniziare l’abitudine di scegliere i pensieri che sostengono l’idea di sentirvi bene e di sentirvi gli esseri potenti che siete e che vi elevano ad un livello superiore di consapevolezza in cui il concetto di sé accoglie il vostro sé superiore.

Dr. Wayne W. Dyer

La via del Transurfer - https://faregruppo.blogspot.it

Nessun commento:

Posta un commento