sabato 30 dicembre 2017

Come possiamo imparare ad essere in armonia, leggeri, abili equilibristi sul filo della vita?




Tutto nella vita si sistemerà, se si seguiranno abitualmente i principi del Transurfing. Ma occorre prendere come base uno dei principi chiave, che, se non da subito, vi condurrà nel tempo a chiarificare le situazioni confuse: vivere in conformità al proprio “credo”. Vivere in conformità al proprio “credo” significa formulare chiaramente per se stessi i principi vitali che si intendono osservare e comportarsi in conformità ad essi, senza nessuno sdoppiamento. Per esprimersi in termini tecnici, il “credo” è la messa a fuoco di anima e ragione in un’immagine nitida. Quest’unità vi rende arbitri della vostra realtà: non avrete motivi di temere, non avrete nulla da difendere, nulla da nascondere, nulla di cui preoccuparvi. Otterrete con facilità ciò che vorrete. Non vi tormenteranno più i dubbi sul vostro comportamento.
Per liberarvi dell’ansia rispetto a quella parte della realtà che non siete in grado di cambiare, basterà accettarla. E sarà solo allora che questa scomoda realtà vi lascerà in pace. Che significa accettare? E perchè in questo modo ci si può liberare di problemi ossessionanti? Perchè quando accettate la realtà, cessate automaticamente di agitarvi e preoccuparvi. Fino a quando questo aspetto della realtà vi tocca, non “lo mollate” e lo trasmettete allo specchio. Lo specchio, ovvero la realtà, rispecchia sempre l’immagine dei vostri pensieri. Occorre ricordare che la realtà è il riflesso del vostro pensiero-forma. Se nello specchio si osserva un quadro sconnesso significa che bisogna correggere l’immagine. È tutto molto semplice: basta avere un proprio “credo” integrale e nella vita tutto andrà come deve. Non vi deve preoccupare il pensiero di come il “credo” raddrizzerà la vostra realtà. Quando l’immagine è priva di incrinature, l’immagine riflessa si normalizza da sola. Come avere un proprio “credo”? A questo fine occorrerà ridurre le proprie azioni e i propri pensieri a un denominatore comune. Dico quello che penso e penso quello che dico. Quello che è nei pensieri è anche nelle azioni, e viceversa, quello che è nelle azioni è anche nei pensieri. Bisogna porre fine allo sdoppiamento tra anima e ragione. Vivere cosi è più facile e semplice: ci si sgrava subito di tutti i pesi possibili, dei potenziali superflui. Bisogna smettere di contorcersi, ingannare, mentire (soprattutto a se stessi), compiacere i manipolatori. Provate a fare cosi e vi convincerete da soli. Vi piacerà. Diventerete una personalità carismatica e sarà il mondo a girarvi intorno. Tutto si sistemerà al posto giusto.
https://www.scienzaeconoscenza.it/blog/consapevolezza-spiritualita/transurfing-intervista-vadim-zeland
La via del Transurfer - https://faregruppo.blogspot.it

Nessun commento:

Posta un commento