mercoledì 14 febbraio 2018

APPLICARE IL TRANSURFING


Il primo requisito è "ricordare". Ricordare che viviamo in una sorta di "sogno materializzato" e che è possibile cambiare tale sogno se ci manteniamo in uno stato di lucidità e consapevolezza
Poi si tratta di identificare e mantenere nella visualizzazione interiore quello che Zeland definisce "diapositiva del fine" cioè il quadro dinamico di come vorresti la tua esistenza (o un aspetto di essa). Un quadro in cui tu sei protagonista e in cui devi percepire bene le emozioni che genera; è importante immergerti in esso tutti i giorni. Con l'abitudine di scrivere ogni mattina cosa vorresti realizzare e ogni sera quali eventi della giornata ti sembra che ti abbiano portato o avvicinato ai tuoi obiettivi, puoi applicare una focalizzazione positiva ed efficace su di essi. Questo è il metodo che ha consigliato lo stesso Zeland durante la sua prima apparizione al pubblico, fatta a Milano il 6 aprile 2013, e secondo lui già da solo potrebbe bastare.

Per rendere il tutto veramente efficace c'è da abbattere l'importanza interna (dare troppa importanza all'immagine di sé) ed esterna (dare troppa importanza alle altre persone o agli eventi). Anche questo non è così semplice da mettere in pratica, ma è facile capire che le cose, le situazioni e le persone non hanno un'importanza oggettiva, in sé, ma solo soggettiva(persone diverse attribuiranno un'importanza diversa alla medesima cosa) e l'essere il più fluidi, sereni e naturali possibili nell'affrontare una qualsiasi questione permetterà di gestirla al meglio.
Nella mia esperienza giovanile di volontario di Pubblica Assistenza ho impresso nella memoria un medico che affrontava qualsiasi emergenza con un una tale pacatezza che metteva calma in tutta la squadra e faceva riuscire al meglio ogni intervento, al contrario quando il medico di turno era il primo ad essere ansioso ed agitato creava un clima terribile e tutto diventava molto più difficile... questo mi ha insegnato che anche nelle emergenze più gravi si può abbattere il senso di importanza! Zeland dice: "Abbatti l'importanza interna ed esterna e vedrai che muro cadrà, l’ostacolo si auto-eliminerà ed il problema si risolverà da solo".

A livello pratico ho verificato che questo è possibile facendo qualcosa di concreto nella risoluzione di un problema (piuttosto che rimuginare su di esso), condividendo il problema e facendosi supportare da amici ed eventualmente terapeuti, ridirezionando l'attenzione su altre cose e - soprattutto - applicando le tecniche di pulizia emozionale


Applicare quanto scritto fino ad ora porta già a degli ottimi risultati, aggiungo solo il principio della "Coordinazione dell'Intenzione", in pratica il rimanere positivi qualsiasi cosa accada, anche se apparentemente negativa, con la fiducia che si stia realizzando la variante migliore. Capisco che a una prima lettura può sembrare un po' semplicistico, ma poiché l'intenzione è la chiave del processo di realizzazione, se noi manteniamo la mente orientata al positivo il flusso delle varianti seguirà quella direzione... se, invece, ci lamentiamo e ci arrabbiamo (tranne che nel momento iniziale, di primo impatto, in cui è lecito) se continuiamo a portiamo l'attenzione al negativo allora richiamiamo solo le varianti peggiori.

Il Transurfing è un'arte che si può apprendere, secondo me, solo partendo da una chiara comprensione dei principi e poi da una loro applicazione quotidiana progressiva, che seguirà il ritmo della tua comprensione. Se inizi a studiarlo oggi non pensare che potrai risolvere col Transurfing i problemi che richiedono una tua attenzione urgente ed una soluzione pratica, non avrai semplicemente il tempo per lasciare che le varianti si spostino con efficacia (ricordati che il mondo reagisce con ritardo agli input interiori).
Nel tempo, invece, sarai in grado di "pilotare" sempre di più la tua vita, con sempre maggior efficacia e rapidità, e non in una direzione scelta arbitrariamente (in modo egoico), ma proprio nella direzione del maggior benessere della tua Anima, un benessere e che è tuo e solo tuo e che se non deciderai di vivere ed incarnare resterà tristemente inutilizzato... perché nessun altro potrà avervi accesso!

Buon Transurfing a tutti!
Dott. Nicola Saltarelli

La via del Transurfer - https://faregruppo.blogspot.it

Nessun commento:

Posta un commento